Web Agency

SEOChe cos’è la SEO? Quali sono le sue caratteristiche? Si tratta di un freddo sistema di ottimizzazione dei contenuti nei motori di ricerca, o si nasconde altro? Un esperto del settore cerca di rispondere a tali quesiti.

L’editorialista Jayson DeMers esprime il proprio parere su un argomento molto sentito da chi vuole mettere in evidenza il proprio sito Web. Innanzitutto, la SEO moderna viene considerata come un insieme di strategie funzionanti in maniera indipendente l’una dall’altra. Il marketing dei contenuti è una delle tecniche necessarie per un’ottimizzazione di buon livello. Tuttavia, il discorso viene sviscerato in profondità.

Quali sono gli elementi che fanno sì che un sito venga posto nelle prime posizioni di un motore di ricerca? Dalla velocità alla sicurezza, dal meta-tytle alla descrizione, passando per l’ottimizzazione sui device mobili, il rich snippet e i dati strutturati, ogni elemento ha la sua rilevanza. Non bisogna poi lasciare in secondo piano la mappatura del sito Web, la struttura di navigazione e la disponibilità effettiva dei contenuti, che dovrebbero essere consultati con una certa rapidità. A tutto questo, bisogna aggiungere la capacità di fidelizzare il cliente con la presenza di contenuti unici e curati nei minimi dettagli.

Diverso è il discorso riguardante i social media, che rappresentano uno dei canali più immediati per la diffusione di un portale. Essi non vengono compresi nella categoria relativa alla strategia SEO, ma grazie ai loro link in entrata possono garantire il successo di un progetto, o decretarne il fallimento. Tuttavia, nessuno degli elementi citati serve esclusivamente ad una SEO più adeguata. Secondo DeMers, l’ottimizzazione basata sulla parola chiave è da considerarsi morta e sepolta. Al giorno d’oggi, bisogna saper cogliere l’esperienza dell’utente e basarsi maggiormente sulla semantica. La SEO moderna non può quindi essere più una strategia indipendente. Ogni azienda dovrebbe rendersi conto di questa novità e studiare la giusta strategia per migliorarla, passo dopo passo.

Tutorial

downloadQuali sono i passi da seguire per installare uTorrent? Per prima cosa è necessario recarsi sul sito Utorrent.com: è fondamentale, infatti, scaricare il programma dal sito ufficiale, per evitare qualsiasi tipo di rischio. Una volta giunti sulla home page, è sufficiente fare clic sul tasto “Scarica uTorrent per Windows” di colore arancione, e quindi di nuovo sul pulsante che riporta la dicitura “Scarica uTorrent per Windows” che compare nella nuova pagina che si apre. A questo punto la procedura di download viene avviata in modo automatico.

Quando lo scaricamento è stato completato, occorre fare doppio clic sul file uTorrent.exe in modo tale da aprirlo e installare il programma. Si apre una finestra, dove bisogna fare clic su “Ok”, poi su “Sì” e infine su “Avanti” per due volte. Dopo avere selezionato “Accetto” per accettare le condizioni di utilizzo di uTorrent, per concludere il setup non bisogna fare altro che cliccare su “Avanti” fino al termine. Nel corso del processo di installazione, è preferibile togliere la spunta dalle voci che riguardano gli album musicali da scaricare e il toolbar per il browser: in caso contrario si installeranno dei contenuti promozionali che potrebbero non essere desiderati. Non solo: durante la procedura potrebbe anche essere proposta l’installazione di altri software, che dovrebbe essere – a sua volta – rifiutata. Dopo che l’installazione si è conclusa, si può notare che sul desktop è comparsa l’icona di uTorrent: per avviare il software basta fare clic per due volte.

Per installare uTorrent su Mac OS X, invece, nella home page del sito bisogna fare clic sul tasto “Scarica gratis per Mac“, di colore verde, per poi eseguire le stesse operazioni appena menzionate, fermo restando che il file che si scarica non è un .exe ma un .dmg. Quando l’installazione è giunta al termine, per avviare il software bisogna accedere al Launchpad e poi fare clic sull’icona di uTorrent. Come si può intuire, quindi, la procedura di installazione di questo programma si rivela molto semplice sia nel caso di Windows che nel caso di Mac.

Social Network

Chi è intenzionato a sapere da quali persone è stato visitato il suo profilo Facebook deve prendere consapevolezza del fatto che, allo stato facebook-spy-app21-738x277attuale, non esiste alcun trucco che consenta di farlo. Fino a qualche tempo fa, in realtà, esistevano diverse applicazioni che millantavano di poter soddisfare tale richiesta spiando le attività degli amici e addirittura svelando l’identità di chi visitava i profili, ma oggi tutte queste soluzioni sono state bandite, al punto che la realizzazione di app finalizzate a scoprire l’identità degli utenti che visitano un profilo su Facebook è contro il regolamento del social di Zuckerberg. Ecco perché le eventuali soluzioni che si possono trovare sul web non possono funzionare, e addirittura sono da considerare pericolose per la sicurezza dei dispositivi che si adoperano per navigare in Rete e del proprio profilo su Facebook.

In ogni caso, è possibile mettere in pratica alcuni accorgimenti che consentono di sapere chi segue gli aggiornamenti e i post pubblicati. Facendo clic sull’immagine del proprio profilo, bisogna selezionare la voce “Amici” che compare sotto l’immagine di copertina, su “Altro” e su “Persone che seguono gli aggiornamenti”. Nel caso in cui si sia decisi a sapere se le persone a cui si scrive leggono i messaggi inviati è sufficiente accedere alla conversazione a cui si è interessati dopo avere aperto il riquadro delle chat. Sotto l’ultimo messaggio che è stato inviato, infatti, compare la dicitura “Visualizzato”, seguita dalla data e dall’ora in cui la visualizzazione è avvenuta.

Ancora, è possibile sapere chi, tra i propri amici di Facebook, è online: basta fare clic sull’icona che rappresenta la ruota di un ingranaggio nella barra di destra e spuntare la voce “Attiva chat”. Gli amici il cui nome è affiancato da un pallino verde sono online, mentre gli amici il cui nome è affiancato da un’icona del telefono sono connessi con un dispositivo mobile. Ovviamente, si può decidere di non far sapere agli altri se si è connessi o meno, selezionando la voce “Attiva la chat solo per alcuni amici” o la voce “Attiva la chat per tutti gli amici tranne”.